3 novembre 2017 admin

Di ritorno dal World Forum of Local Economic Development

Ritornati dal  World Forum of Local Economic Development (LED) vorremmo ringraziare il Comitato Esecutivo – che riunisce il Governo di Capo Verde, UCLG, FAMSI, la città metropolitana di Torino, ORU FOGAR, SEBRAE, ILO e UNDP – per averci invitato a dare il nostro contributo come partecipanti e speaker.

Il Forum

Secondo il Comitato Organizzatore, “il numero di partecipanti al meeting ha superato i duemila iscritti: 2800 partecipanti hanno contribuito al forum, con 85 paesi rappresentati. Più di 50 sessioni – tra cui plenarie , panel interattivi e dibattiti politici – hanno offerto l’opportunità a più di 250 relatori e rappresentanti da tutto il mondo di discutere e condividere la loro visione sullo sviluppo economico locale “.

Siamo stati coinvolti come relatori nel panel “Enabling policies and measures for achieving territorial cohesion through LED: employment and decent work through youth and women economic empowerment” – organizzato da UNDP – dove abbiamo  presentato l’iniziativa DELGEN promossa dall’Ufficio regionale UNDP per l’America Latina e i Caraibi e da un consorzio di organizzazioni regionali e internazionali.

L’iniziativa DELGEN 

L’iniziativa mira a promuovere un’espansione del modello di sviluppo economico locale per integrare in modo più sostenibile ed efficace la prospettiva di genere nella progettazione, pianificazione, attuazione e valutazione delle politiche territoriali e per la localizzazione degli SDGs.

 

 

DELGEN mira a promuovere il 5° SDG (Uguaglianza di genere e empowerment delle donne) e lavora su 4 dimensioni chiave: la governance locale, l’integrazione di sviluppo e empowerment,  l’indipendenza economica, il network.

Le attività che l’iniziativa prevede per raggiungere questo obiettivo sono:
> Disseminazione di buone pratiche e expertise.
> Sviluppo di una piattaforma per il dialogo regionale / globale con una serie di webinar su argomenti specifici quali “Empowerment delle donne indigene nei processi DEL” – di cui siamo coordinatori – e “Integrazione dei lavori domestici e di cura nell’economia sociale”.
> Advocacy a forum nazionali, regionali e internazionali su sviluppo locale, Agenda 2030 e localizzazione di SDG.
> Creazione di reti e alleanze strategiche con i principali stakeholder per integrare il tema nei piani di sviluppo nazionali.

Un focus sui territori marginali

Abbiamo partecipato come relatori anche alla sessione “Best Practices to avoid rural exodus“, organizzata da ORU Fogar. Qui abbiamo presentato una serie di buone pratiche per evitare l’esodo rurale da Casentino (zona rurale in Toscana), Algarve, Corsica e da territori marginali in generale.

La ricerca presentata indaga il potenziale ruolo attivo dei “territori marginali” del Mediterraneo rispetto alla riformulazione, adattamento, interpretazione e attuazione delle politiche europee di sviluppo e dell’Agenda 2030.
Il nostro lavoro mira a verificare l’idea che i territori marginali possano partecipare alla costruzione delle proprie traiettorie di sviluppo e di quelle dell’Europa stessa, creando nuove opportunità di lavoro e modelli di sviluppo.

 

Il forum ha fornito uno spazio per il dialogo e la condivisione di buone pratiche, ma anche per la firma di accordi di cooperazione. È stata un’ottima occasione per costruire idee e soluzioni pratiche per raggiungere un mondo sostenibile!

Ph.Credits https://www.flickr.com/photos/undpart/