La ricerca emancipatoria come approccio partecipativo all’inclusione delle donne disabili in Palestina

Luogo: Cisgiordania – Palestina

Durata: Agosto 2015 – Gennaio 2016

Titolo del progetto: PARTICIP-ACTION -“Active Participation and Social Inclusion of Disabled People in Palestine through the Empowerment of Local DPOs” AID/01086/EDUCAID/TOC

Committente: EducAid

Finanziatore: Ministero Degli Affari Esteri (AICS)

Partnership: RIDS (Rete Italiana Disabilità e Sviluppo), General Union of Persons with Disabilities (sezioni di Betlemme e Hebron), Stars of Hope, Asswat

Contesto

Le difficoltà che le persone con disabilità affrontano ogni giorno sono molteplici: limitato accesso a servizi di qualità, ambiente sociale ostile, scarse opportunità di lavoro, esclusione dalla vita sociale e culturale. Dal momento che la discriminazione nei confronti delle donne disabili è ancora più profonda, questo le rende uno dei gruppi più vulnerabili e esclusi della società palestinese.

Obiettivo generale

Promozione dell’empowerment delle persone con disabilità. In particolare, promozione dell’inclusione delle donne disabili attraverso il rafforzamento delle organizzazioni di persone con disabilità.

Che cosa abbiamo fatto

Nel contesto palestinese, la ricerca emancipatoria è stata condotta presso due gruppi di donne con disabilità e uno composto dalle madri di persone con disabilità. I tre gruppi sono stati coinvolti nell’identificazione delle dimensioni di benessere della loro quotidianità così come delle barriere bio-psico-sociali che ne prevengono l’inclusione e la partecipazione nella società. La definizione della relazione di causalità tra le barriere è stato il punto di inizio per la redazione delle domande della ricerca.

I tre gruppi hanno sviluppato tre protocolli di ricerca distinti che possono essere riassunti come segue:

Gruppo di Betlemme/Hebron: la ricerca si è concentrata sull’inclusione delle donne con disabilità nel mercato del lavoro e sulla transizione tra l’istruzione e l’impiego. Il gruppo ha condotto 200 interviste quantitative presso donne in età lavorativa.

Gruppo di Ramallah: La ricerca si è concentrata sulla relazione tra le persone con disabilità e le loro famiglie. Nell’obiettivo di analizzare le questioni di genere da un prospettiva comparativa, si è deciso di condurre le interviste sia presso le donne che gli uomini con disabilità a cui si sono aggiunti anche i focus group con i parenti delle persone con disabilità.

Gruppo di Nablus: il gruppo era sostituito principalmente da care-giver femminili, ovvero le madri delle persone con disabilità e che erano essere stesse oggetto di ricerca. Durante la ricerca, le donne di Nablus hanno intervistato 160 donne, madri di persone con disabilità.

ARCO si è occupato di gestire anche le seguenti attività:

  • Il supporto all’elaborazione dei tool metodologici di raccolta dati.
  • La formazione dei tre gruppi di donne sull’utilizzo dei tool (questionari, tracce per interviste, data entry). In seguito, l’ assistenza alla raccolta dati effettuata dai tre gruppi di donne.
  • La conduzione di un’analisi partecipativa delle informazioni raccolte.
  • L’elaborazione e la restituzione del rapporto di ricerca.
  • La disseminazione dei risultati in Italia e all’estero.

Leggi di più sulla ricerca emancipatoria come metodologia per l’inclusione in Palestina, e in Mozambico.