28 novembre 2023 ARCO

L’importanza della partecipazione dei bambini nella ricerca sull’infanzia

bambini bambine hildren child ricerca child centred sviluppo inclusivo inclusive development

Da una ricerca “su” i bambini ad una ricerca “con” i bambini

Per lungo tempo, la ricerca sull’infanzia ha trascurato la prospettiva diretta dei bambini e delle bambine, trattandoli principalmente come oggetti di studio anziché soggetti attivi dotati di agencyEppure, implementare politiche tese al miglioramento delle condizioni di vita dell’infanzia senza prestare ascolto ai loro bisogni, al modo in cui essi vivono e vedono la realtà, non è soltanto eticamente sbagliato, ma rischia di condurre a risultati negativi. Costruire progetti sulla base di una conoscenza proveniente dai bambini, permette di strutturare attività più appropriate, rilevanti e sostenibili.

La prospettiva con cui osserviamo il mondo è profondamente plasmata dalle esperienze che viviamo. Un principio particolarmente vero quando si tratta di bambini e bambine. L’evoluzione nella ricerca, da un approccio “su” i bambini ad un approccio “child centred” – centrato sull’infanzia – significa riconoscere che i bambini e le bambine sono soggetti dotati di agency, capaci di contribuire in modo attivo alla produzione di conoscenza ed alla nostra comprensione del mondo.

Inoltre, per lo stesso tempo in cui la ricerca si è focalizzata sui bambini come oggetto – e non soggetto – di studio, non è stato costruito alcuno strumento che consentisse loro di esprimersi. Grazie agli sviluppi della nuova sociologia dell’infanzia e alla Convenzione ONU sui diritti dell’Infanzia del 1989, la voce dei bambini ha assunto una nuova centralità nella ricerca.

I bambini e gli adolescenti hanno il diritto di esprimere liberamente la propria opinione su tutte le questioni che li riguardano e devono essere ascoltati dagli adulti quando questi prendono decisioni su di loro”. [Art. 12, UNCRC]

Approcci metolodogici

A livello metodologico, il passaggio da oggetti passivi a soggetti attivi della ricerca può avvenire in vari modi. I bambini possono assumere un ruolo di informatori in vari gradi fino ad arrivare co-ricercatori. In ogni caso, è necessario creare uno spazio sicuro in cui possano esprimersi attraverso modalità che sono adatte per la loro età, tra cui l’uso o la creazione di fotografie, mappe, disegni e video.

Coinvolgendo le bambine e i bambini di partecipare nelle diverse fasi di ricerca, non solo permette agli adulti e le adulte di avere una conoscenza reale delle loro esperienza di vita, ma stimola anche il loro empowerment individuale e collettivo. Favorendo la partecipazione nella ricerca ed in tutte le sfere della loro vita fin da piccoli e piccole, i bambini e le bambine diventano cittadini e cittadine.

boyhood global initiative stereotipi genere bambini inclusione ricerca azione

Ricerca-Azione per la Global Boyhood Initiative su stereotipi, ruoli di genere e bullismo

care leavers children alternative care sistemi dit utela alterantiva carINg

CarINg fare rete per l’autonomia dei care leavers

Per saperne di più:

Biggeri, M., & Arciprete, C. (2022). Children as Capable Agents and Citizen: Empowering Children and Youth. In Social Justice for Children in the South (pp. 157-175). Singapore: Springer Nature Singapore.

Biggeri, M., Arciprete, C., & Karkara, R. (2019). Children and youth participation in decision-making and research processes. The Capability Approach, Empowerment and Participation: Concepts, Methods and Applications, 193-221.