Sviluppo Inclusivo

Una società inclusiva come base per uno sviluppo reale e condiviso

Partiamo dalla convinzione che un processo di sviluppo sia veramente efficace solo nel momento in cui riesce a coinvolgere ed includere anche le fasce più vulnerabili della popolazione. Proprio per questo supportiamo i nostri committenti (enti pubblici e privati) nel rafforzare la loro capacità di avere un impatto positivo sulla società in termini di inclusione dei soggetti più svantaggiati e a rischio di marginalizzazione.

Partecipiamo al dibattito accademico su argomenti quali le questioni di genere, la disabilità, il benessere infantile e lo sviluppo umano. Promuoviamo metodologie innovative per l’analisi dei gruppi vulnerabili e per il design di politiche e di servizi.

Le conoscenze degli stakeholders, la loro ownership e l’utilizzo di approcci partecipativi costituiscono la base essenziale del nostro lavoro.

Tra le principali attività:

Ricerca applicata (quantitativa e qualitativa) su vulnerabilità, resilienza e processi inclusivi

♦ Supporto all’identificazione, all’analisi e allo scaling-up di esperienze di eccellenza nell’ambito delle politiche rivolte ai gruppi vulnerabili

♦ Micro-simulazione dell’impatto di vari tipi di politiche quali programmi di supporto, schemi di protezione sociale, investimento in servizi di base etc.

♦ Valutazione dell’impatto sociale nell’ottica del miglioramento delle condizioni di vita delle fasce più deboli

♦ Analisi dei fabbisogni e supporto al design di politiche

♦ Training e capacity building per funzionari di istituzioni governative, staff di organizzazioni non governative, associazioni e studenti

Innovazione negli approcci metodologici

Nel contesto accademico, partecipiamo al dibattito scientifico su questioni di genere, disabilità, benessere dei bambini e sviluppo umano. Promuoviamo metodologie rigorose e innovative per l’analisi socio-economica della vulnerabilità e per la progettazione di politiche e servizi.

Ad esempio, negli ultimi anni abbiamo studiato gli aspetti teorici ed empirici di alcune metodologie e approcci come la ricerca emancipatoria e il bilancio di genere.

La ricerca emancipatoria è uno strumento partecipativo di ricerca e responsabilizzazione che utilizziamo nel contesto della vulnerabilità e dell’esclusione sociale al fine di sfruttare le acute capacità analitiche dei soggetti emarginati. Fare ricerca emancipatoria significa accompagnare un gruppo di persone che appartengono a un gruppo vulnerabile nello sviluppo e nella realizzazione di un progetto di ricerca sulle loro condizioni di vita.

Il Gender budgeting consente di avvicinarsi alla complessità delle politiche pubbliche al fine di valutare l’impatto differenziato su donne e uomini nello “spazio multidimensionale” del benessere, definito come l’insieme di capacità e funzionalità dell’individuo. Questo approccio comporta un cambiamento significativo in quanto sposta l’attenzione sull’analisi delle politiche settoriali all’impatto che hanno sull’individuo considerato nelle Il sue diverse dimensioni.s.

Scientific Coordinator:
Prof. Mario Biggeri
University of Florence

For further information:

Federico Ciani
PhD in Politics and Economics of Developing Countries and Coordinator of the Inclusive Development Unit
federico.ciani[at]unifi.it

hfmz3y - wwii3a - 7xotdp - iakno6 - p8rgot - ls6cc1 - n8evsc - 5ddck4