L’Aloe Vera, una coltivazione per far rivivere l’economia di Karak, Giordania

Titolo Promozione della filiera agribusiness dell’Aloe Vera attraverso l’implementazione di un progetto pilota a sostegno delle cooperative di piccoli produttori nell’area di Karak, Giordania

Framework Rete per lo sviluppo sostenibile e l’innovazione produttiva e commerciale dei produttori di Aloe Vera

Luogo Distretto di Karak, Giordania

Capofila Fondazione Giovanni Paolo II

Partner Wild Jordan

Ente Finanziatore Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo – AICS

Contesto

Per far fronte alla diminuzione delle opportunità lavorative agricole in Giordania, la Fondazione Giovanni Paolo II ha avviato un progetto di diffusione di alcune coltivazioni pilota di prodotti in diverse zone del paese. Nel Distretto di Karak, dove la tradizione contadina e agricola è forte, si è deciso di organizzare una nuova coltura di Aloe Vera. Pur non essendo una coltura tipica o tradizionale della Valle del Giordano, l’Aloe Vera rappresenta un’opportunità interessante in termini di apertura di nuovi mercati nazionali e internazionali dei suoi prodotti derivati sia in ambito alimentare che cosmetico.

Obiettivo generale

L’Aloe Vera è una filiera produttiva strategica da un punto di vista economico e commerciale per il rilancio economico del territorio. In particolare il programma triennale che si appresta ad avviare provvederà a costituire in loco, assieme agli agricoltori del distretto di Karak, un sistema di produzione di qualità certificata della pianta di Aloe Vera e ad equipaggiare una struttura per la lavorazione della pianta per estrarne proditti alimentari e cosmetici. Entrambi questi prodotti saranno venduti nel mercato locale ed internazionale.

Cosa abbiamo fatto?

I Ricercatori dell’Unità Innovazione Circolare e Commodity Sostenibili partecipano al progetto fornendo sostegno nella definizione del layout ottimale dei locali di produzione in accordo agli standard internazionali (settore food, settore cosmetico), nella definizione e implementazione di un protocollo di Buone Pratiche di Fabbricazione per l’ottenimento dei prodotti derivati dall’Aloe. Provvederanno anche alla supervisione del protocollo analitico di caratterizzazione merceologica dell’Aloe e individuerà le produzioni e i relativi mercati (locali e internazionali) in relazione alla qualità dell’Aloe.

In sintesi, I Ricercatori di ARCO mirano ad individuare una strategia diretta all’ottenimento di produzioni standardizzate di qualità in grado di offrire nuove prospettive a tutti gli agricoltori della filiera ed alle loro famiglie.

Scopri l’Unità di Innovazione Circolare e Commodity Sostenibili