26 marzo 2020 ARCO LAB

I 5 vantaggi della valutazione esterna per i progetti di cooperazione e sviluppo

valutazione M&£ monitoraggio monitoring vantaggi key benefits

Il Centro di Ricerca ARCO si impegna in prima persona per diffondere la cultura della valutazione. Il motivo è semplice: la valutazione è il solo modo per capire quali interventi funzionano davvero e perché!

I have learned that success depends on knowing what works 
Bill Gates

Grazie alla valutazione, le organizzazioni possono concentrare il proprio impegno (e le proprie risorse) sulle azioni che si sono dimostrate più utili ed efficaci, al fine di raggiungere il massimo impatto possibile.
Valutare, quindi, è fondamentale per diverse ragioni:

  • ♦ La valutazione permette di apprendere dall’esperienza, aiutandoti a individuare lezioni apprese e best practice, per migliorare costantemente l’impatto dei tuoi progetti.
  • ♦ La valutazione permette di approfondire la storia dietro i risultati del tuo progetto, ovvero ti aiuta a capire perché un intervento ha avuto successo o ha fallito.
  • ♦ La valutazione consente di osservare i risultati del progetto a 360°, perché interpella tutte le categorie di beneficiari e stakeholder coinvolti, approfondendo il punto di vista di ciascuno.
  • ♦ La valutazione accresce la trasparenza di un’organizzazione, perché dimostra la rilevanza, l’efficacia e l’efficienza del suo lavoro agli occhi dei finanziatori e degli stakeholder.
  • ♦ La valutazione permette di comunicare con facilità il valore di un intervento, perché ne quantifica in modo chiaro i risultati e l’impatto sia sociale sia economico.

Come si valuta un progetto?

Valutare un progetto o un programma richiede un lavoro approfondito di raccolta e analisi di dati quantitativi e qualitativi, utilizzando metodologie adeguate agli obiettivi della valutazione e al contesto di intervento.

La strategia di valutazione è elaborata ad hoc per ogni progetto, perché tiene conto di:

  • ♦ la tipologia di intervento;
  • ♦ gli obiettivi dell’intervento;
  • ♦ le tipologie di attori coinvolti (beneficiari, ma anche stakeholder, personale di progetto e esperti);
  • ♦ il contesto locale;
  • ♦ le risorse disponibili.

Idealmente, la valutazione di un progetto o di un programma dovrebbe essere commissionata a un ente esterno specializzato, in modo da garantire un’analisi professionale e quanto più possibile oggettiva.
Sebbene vi siano una serie di ragioni perfettamente valide per cui un’organizzazione può decidere di svolgere internamente il lavoro di valutazione, una valutazione esterna porta alcuni vantaggi fondamentali.

I 5 vantaggi della valutazione esterna

1.  Esperienza e competenza

Un valutatore esperto ha seguito una formazione specifica e porta con sé un’esperienza di ampio respiro, sviluppata lavorando su progetti di tipo diverso, implementati in una grande varietà di contesti e utilizzando approcci metodologici differenti.
Questa competenza ed esperienza gli consente di individuare la strategia di valutazione più efficace per ciascun progetto, prevedendo l’applicazione di metodi e strumenti capaci di misurare accuratamente risultati e impatto.
Le competenze di un professionista si rivelano essenziali soprattutto quando si vogliono valutare interventi particolarmente innovativi o complessi, il cui effetto non può essere misurato correttamente tramite approcci standard.

2.  Obiettività

Lo sguardo di un valutatore esterno permette di osservare il proprio progetto con uno sguardo più obiettivo ed imparziale, proprio perché esterno e indipendente dall’organizzazione che implementa o finanzia le attività. L’obiettività è essenziale per valutare il reale successo di un progetto o programma, oltre che per permettere ad un’organizzazione di apprendere in modo corretto dalla propria esperienza.

3.  Credibilità

Stakeholder e enti finanziatori tendono a dare un peso maggiore ai risultati di una valutazione esterna indipendente, proprio perché percepita come più imparziale e rigorosa. Infatti, anche quando un’organizzazione si impegna ad auto-valutarsi con obiettività, le conclusioni rischiano di risultare in qualche modo autocelebrative.

4.  Punto di vista distaccato

Un valutatore esterno ha la capacità di fornire un punto di vista “fresco” e distaccato sul progetto e sui suoi risultati. Dopo mesi o anni di lavoro, lo staff di progetto è spesso talmente immerso nella gestione delle attività da rischiare di non fare caso ad eventuali effetti inattesi che si stanno palesando. Lo sguardo esterno del valutatore permette di notare quei cambiamenti che altrimenti passerebbero inosservati (e quindi non misurati).

5.  Costo-efficacia

Un servizio di valutazione esterna può essere particolarmente conveniente per le organizzazioni di piccole e medie dimensioni, che spesso non dispongono di risorse sufficienti per mantenere personale interno dedicato alla raccolta dati e alle attività di valutazione. Prevedere una valutazione esterna permette infatti di ridurre i costi di infrastruttura, rivelandosi l’opzione economicamente più vantaggiosa.

M&E e Valutazione di Impatto

ARCO fornisce servizi di valutazione esterna indipendente, mettendo a disposizione la sua esperienza decennale per supportare enti pubblici, agenzie governative, imprese private, associazioni, ONG e fondazioni che vogliono valutare i loro progetti e programmi.

Attivi sia in Italia che all’estero, proponiamo strategie di valutazione ad hoc, applicando metodologie innovative, sia qualitative sia quantitative, e un approccio partecipativo che pone il beneficiario al centro del processo valutativo.

hfmz3y - wwii3a - 7xotdp - iakno6 - p8rgot - ls6cc1 - n8evsc - 5ddck4