Valutazione finale del progetto Pe.R.Co.rrere per la resilienza delle comunità colpite dal terremoto nel Centro Italia

Titolo “Pe.R.Co.rrere” – Percorsi di Resilienza Comunitaria

Luogo Amatrice, Accumuli, Arcquata del Tronto, Camerino, Borbona e Alto Nera

Durata Agosto 2018 – Gennaio 2020 (18 mesi)

Capofila ActionAid Italia

Partner PsyPlus Onlus

Ente finanziatore Fondo di Beneficenza Intesa San Paolo

Contesto

Le sequenze sismiche che hanno colpito il Centro Italia (Abruzzo, Marche, Lazio e Umbria) tra agosto 2016 e gennaio 2017 hanno prodotto ingenti perdite umane e materiali, i cui effetti si sono protratti nel tempo. Infatti, la popolazione residente nel territorio colpito vive ancora oggi una situazione molto difficile legata a numerose condizioni materiali e immateriali, tra cui, la lentezza del processo di ricostruzione. Questa obbliga molte persone e famiglie a vivere in moduli abitativi SAE (soluzioni abitative di emergenza) e provoca negli abitanti condizioni sintomatologie post-traumatiche come la difficoltà di adattamento, problematiche genitoriali, problematiche di coppia e vissuti di isolamento.

resileinza comunità dimensione benessere percorrere centro italia valutazione

Moduli abitativi SAE – Foto si Linda Terenzi

Il progetto Pe.R.Co.rrere – Percorsi di Resilienza Comunitaria mira a promuovere il recupero della dimensione di benessere individuale e sociale, l’intraprendenza e la cittadinanza attiva nelle comunità di Amatrice, Accumoli, Arquata del Tronto, Camerino, Borbona e Alto Nera attraverso l’aumento della partecipazione attiva dei cittadini in vari aspetti del processo di ricostruzione e di valorizzazione delle risorse del territorio e personali, con l’obiettivo di favorire l’elaborazione del trauma causato dal fenomeno sismico e la resilienza nel processo di ricostruzione. Il progetto prevede molteplici attività rivolte a bambine/i, adolescenti e adulti, con un’attenzione particolare alla scuola e alla comunità educante.

Obbiettivo Generale

Per capire quale impatto e quali risultati sono stati raggiunti dall’intervento nei 18 mesi di implementazione, i Ricercatori di ARCO sono stati coinvolti per condurre la valutazione finale del progetto.

Cosa abbiamo fatto?

I Ricercatori hanno elaborato la strategia e gli strumenti di valutazione a partire dalla Teoria del Cambiamento elaborata dal committente in fase progettuale. La Teoria del Cambiamento è uno strumento che consente di esplicitare da quali attività ci si aspetta che un cambiamento venga generato, e in che maniera verranno prodotti i risultati attesi, gli obiettivi specifici (outcome) e gli obiettivi generali (goal).

I ricercatori di ARCO hanno svolto una missione di valutazione durante il mese di gennaio 2020 durante la quale hanno visitato le aree di intervento, incontrato i referenti e operatori di progetto e coinvolto un campione di beneficiari.

Per cogliere le particolarità dei cambiamenti generati e le azioni trasformative innescate dal progetto nei beneficiari e nei principali stakeholder, i Ricercatori hanno privilegiato una metodologia partecipativa e qualitativa, combinata all’analisi pre-post dei dati raccolti attraverso dei questionari somministrati prima e dopo specifiche attività di progetto, e alla desk analysis dei documenti del progetto.

Scopri l’Unità di M&E e Valutazione di Impatto